Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Concordia’

“Nave senza nocchiero in gran tempesta.” Pure il compianto Dante Alighieri è stato scomodato per trovare un ponte tra la tragedia del Giglio e la situazione italiana. Una tempesta di metafore si è abbattuta su stampa cartacea e non, blog, pause pranzo e aperitivi. Vista l’oggettiva impossibilità di fondare un partito di innocentisti, gli italiani hanno sfogato il loro atavico bisogno di ripartirsi in due fazioni (Dante lo può spiegare) dividendosi tra comandanti e cassandre. I primi in una settimana (anche meno i più svelti) hanno imparato a memoria il codice di navigazione, gli altri si sono abbandonati a metafore, similitudini e oscuri presagi sul futuro della penisola. La prassi è sempre quella: prima ne parlano i tg, poi i giornali, e infine, non necessariamente in quest’ordine, cittadini, blog, programmi spazzatura. Insomma, per farla breve, non si può più andare a bere una birra al bar, senza imbattersi in discussioni su nodi e virate a poppa tra aspiranti Nelson a tempo determinato. E va be, ci sono abituato. Ma almeno una parola concedetemela: tra tante iperboli, possibile nessuno o quasi abbia affiancato la tragedia del Tirreno con le tragedie del canale di Sicilia? Già, quei barconi improponibili dove i comandanti sanno essere ben più cinici di Schettino, dove gli occupanti spendono anche più dei crocieristi, ma non hanno né bagno, né cabina, né ristoranti etnici, né tanto meno animazione. Non si vuole fare buonismo spicciolo, ma almeno un pensiero, in tanta cialtroneria, c’è chi lo merita. E allora lasciamo perdere i paragoni, che comunque ci stavano quasi tutti e diciamola come Orwell: “tutti i naufraghi sono uguali, ma alcuni naufraghi sono più uguali degli altri.”

L’immagine è di Mauro Biani, http://maurobiani.it/wp-content/uploads/2012/01/migranti-affondamenti.jpg

Annunci

Read Full Post »

Fui svegliato da un tremendo boato, uno schianto immane proveniente dall’esterno, probabilmente dal canale sottostante. Li per lì pensai ad un’alluvione, ma non pioveva da giorni, allora credetti in un terremoto, ma la terra sotto di me non si era mossa. Era dunque l’apocalisse? Mio Dio no, non mi sentivo pronto, non ero mai stato un buon cristiano e ultimamente mi ero ulteriormente allontanato dalla fede, perso nei bagordi delle osterie e nei balli in maschera di questa lussuriosa città che da poco mi ospitava. Intorpidito dal sonno, sentivo il cuore martellare in gola. Volevo pregare e tentare una tardiva redenzione, ma le parole mi tremavano nelle labbra e stentavano ad uscire. Con calma tentai di riprendere il controllo dei miei sensi, rallentare il respiro, convincermi che non era possibile e che probabilmente un’incubo si era impossessato della ragione. Ma proprio quando la mia mente iniziava a raffreddarsi, un altro boato, simile ad un poderoso nitrito, invase la stanza, seguito dal violento scroscio di  un getto d’acqua.  Sobbalzai nel letto e poi mi distesi, atterrito, madido di freddo sudore, la bocca spalancata per cercare ossigeno, arieggiare il mio cuore duramente provato. Dovevo capire cos’era, trovare la forza di dirigermi alla finestra e spalancare le persiane. Non avevo il coraggio, ma dovevo farlo. Per convincermi mi dissi che in fondo non sarebbe cambiato nulla, se fossi dovuto scomparire, meglio saperne il motivo. Mi alzai, tremavo, le gambe avevano perso sensibilità, le mani tremavano imperterrite, come se avessero impugnato per ore un oggetto vibrante. Raggiunsi la finestra, pensai ancora un volta a quello che stavo facendo. Poi trattenni il respiro e con gli occhi semichiusi iniziai ad aprire la finestra. Sentii che fuori c’era qualcosa, qualcosa di enorme e terribile che si muoveva scorrazzando acqua a destra ed a manca con l’immensa mole. Ora solo le persiane mi separavano dal destino. Strinsi le labbra tra i denti, caricai le braccia come per colpire con un pugno e con decisione spinsi le persiane verso l’esterno, rimanendo con le braccia profeticamente spalancate, abbracciando Canal Grande e Venezia tutta. Lo sguardo era rivolto al cielo mattutino di Venezia. Fu con la calma che contraddistingue i rassegnati che abbassai lo sguardo. Vidi e non credetti ai miei occhi, che strabuzzai nel tentativo di cambiare la strabiliante visioneverso qualcosa di più familiare, ma la realtà non si poteva cambiare: sotto i miei occhi, impacciato, pachidermico, si godeva il primo sole mattutino un grigio capogoglio. No, niente apocalisse dunque, per redimermi dai peccati il buon Dio mi concedeva ancora tempo. Mi guardai attorno, nessuno aveva avuto una reazione simile alla mia. Guardavano la balena come si guarda qualcosa di speciale, di meritevole di attenzione, ma non nuova. Non era dunque una novità per i veneziani che un grosso capodoglio passasse per Canal Grande. Strana città Venezia, strani anni questi cinquanta del XVIII secolo.

Tutti parlano della Concordia, l’ho voluto fare anche io, ma a modo mio, naturalmente. Racconto assurdo? Forse nel settecento si. Ma oggi, i moderni Moby Dick (tra l’altro il nome di una compagnia marittima) passano davvero nel Canal Grande, incuranti dei danni che possono arrecare a quel fragile gioiello che è Venezia. L’assurdo, quando ripetuto, diventa normalità. All’inizio fa impressione, poi l’occhio si abitua e diventa complice. Venezia, Isola del Giglio, ma non solo: ricordate quest’estate quanti incidenti sulle barche? Arroganza, menefreghismo, culto della furbizia e nessun rispetto per il domani. Little Italy, insomma.

Read Full Post »