Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘attualità’

Provini

Me ne stavo sul divano sdraiato, o sarebbe meglio dire sbracato e mentre stendevo la mandibola sul poggiatesta, guardavo la televisione con visuale fuori asse di novanta gradi. Presto la vista si sarebbe fatta più nebulosa, i suoni più ovattati, le parole distanti tra di loro e le palpebre avrebbero chiuso come un sipario il mio rapporto mondano. Ma non è stato così. Maledetta scatola, quando meno te l’aspetti, zac, ti frega, il pensiero si insinua nella mente e più non se ne discosta.

Provino n°1: Siamo in uno studio pubblicitario milanese. Un saccente yuppie, prodotto della Milano da bere anni ottanta, si sistema la zazzera e con aria di superiorità e accento meneghino chiama l’ennesima comparsa. La giovane pulzella poco sa della ragione del provino, si vocifera di una pubblicità di un certo dentifricio, ma niente di più. Il laido ex craxiano gusta la pulzella con dovuto distacco e poi gli chiede di tirare fuori la lingua. La giovane rimane inebetita, si tocca i capelli, poi tira fuori la lingua, una bella lingua, lunga e corposa. L’inverecondo pubblicitario apprezza con un mugolio, si sistema sulla sedia e con grande partecipazione chiede alla fanciulla di sfrusciare la lingua sui denti, ecco perfetto, stupendo, dice il lubrico bauscia e abbonda con i complimenti mentre ravviva la zazzera ingrigita. Si, si, il posto è suo, quella sfarfallata di lingua merita i network nazionali e poco importa per quei denti gialli che tanto stonano per una pubblicità di dentifricio, per questo c’è photoshop. La svampita figliola trattiene a stento lacrime di gioia, ce l’ha fatta, presto potrà ammirarsi in tv. E pensare che a quella impudica richiesta aveva pensato male. Che stupida a lasciarsi influenzare dalle voci. Però, un pò, gli dispiaceva, tutto sommato.

Provino n°2: Bologna, ufficio marketing di grande azienda, commissione di tre uomini e due donne. Schiere di mamme con bambini attendono il loro turno dopo aver letto l’annuncio sul Resto del Carlino che bandiva la selezione di un bimbo per lo spot di una casa vinicola romagnola. Ecco riunirsi nella hall un bestiario alquanto eterogeneo: c’è la casalinga moglie del geometra che sogna una vita di lustrini per la sua Shirley Temple in erba, l’operaia di maglificio che giura che la sua piccola mai vedrà catena di montaggio, l’avvocatessa che sogna i salotti tv dove sarà invitata come madre del nuovo fenomeno televisivo. Non tutti i bambini capiscono, molti si lasciano andare a pianti isterici ancor prima dell’audizione, compromettendo la propria prova e i sogni altrui. La commissione non sa che pesci pigliare, i bambini arrivano stanchi, timidi e non spiaccicano parola. Poi la folgorazione sulla via di Saxa Rubra, il colpo di genio della giudice più sbadata, quella che dopo dieci provini è già stufa e guarda altrove. Questa volta però la soluzione viene proprio da altrove, la giudice si alza, interrompe l’ennesimo piagnisteo e chiama quel bambino con la passione per l’ornitologia fai da te, quello da tutti considerato un pò idiota per via della stridula sua voce che chiama paguri i piccioni e martin pescatori i passerotti. Lo invita a esibirsi, tra gli occhi sbigottiti delle madri dei bambini più virtuosi, lo tranquillizza con una carezza e gli chiede di ripetere quella frase urlata alla mamma. Il pargoletto si intimidisce, guarda la madre e trova il coraggio nei suoi occhi bramanti fama. “Mamma, mamma, un cardellino, un cardellino.” Da qui al nome della marca vinicola è un passo, qualche sillaba e niente più, con tanti saluti alle mamme degli altri.

Mi sono ripreso. La pubblicità fa brutti scherzi se non la si beve secondo istruzioni.

Annunci

Read Full Post »

J’accuse

J’accuse chi scambia le informazioni con il sentito dire.

J’accuse chi si accorge dell’evidenza solo quando è spropositata.

J’accuse chi beve capri espiatori come aperitivo.

J’accuse chi divora le opinioni di improbabili esperti come cena.

J’accuse chi sorseggia le parole dei tuttologi.

J’accuse chi si indigna seppellendo la propria necessità di “opinione” dietro un link condiviso.

J’accuse chi si inventa profeta delle banalità. Con successo.

J’accuse chi odia i benpensanti perchè sa che non è bello esserlo, ma non sa di esserlo lui stesso.

J’accuse chi pensa che il giusto sia dove c’è più ressa.

J’accuse chi non si chiede mai il perchè di nulla.

J’accuse chi non capisce che la sua libertà finisce dove qualcuno gli impone un modo di dire, fare, pensare.

J’accuse chi vuole togliere prima la pagliuzza dagli occhi degli altri che la trave dai propri.

J’accuse chi si nasconde dietro l’etichetta alternativo.

J’accuse chi pensa che per essere diverso basta un vestito.

J’accuse chi scambia la leadership per la followship, seguire gli umori della pancia invece che guidare il cervello.

J’accuse chi ieri contestava chi protestava e oggi protesta e basta.

J’accuse chi crede che la storia si possa piegare al proprio interesse.

J’accuse chi decide di guardare il mondo solo quando è costretto dal proprio interesse.

J’accuse chi pensa che prima deve toccare agli altri.

J’accuse chi dice e non sa.

J’accuse chi sa e non dice.

J’accuse chi non si sente compreso in almeno due J’accuse.

J’accuse chi non legge il mio blog.

J’accuse chi j’accuse, ovvero me stesso che seguo la moda degli elenchi e cerco di nobilitarla con un titolo di Emile Zolà.

Read Full Post »